4LAND Valpolicella
4LAND Valpolicella
Valpolicella retro
4LAND Valpolicella DETTAGLIO
4LAND Valpolicella RETRO
4LAND Valpolicella
4LAND Valpolicella
Valpolicella retro
4LAND Valpolicella DETTAGLIO
4LAND Valpolicella RETRO

Valpolicella N.300

1:25000

12,00

AVAILABLE

*prezzi IVA incl. ed escluse le spese di spedizione*prices incl. VAT and excluding shipping costs

COD: 300 Categoria: Tag:

Descrizione

CARTA STAMPATA FRONTE E RETRO SU POLYART® IN CUSTODIA DI CARTONCINO RIGIDO PER SISTEMAZIONE IN LIBRERIA

  • Codice prodotto: S00300
  • ISBN: 9788889823828
  • Pagine: 2 (1 foglio)
  • Edizione: 2016

Descrizione

La Valpolicella è la zona collinare che precede l’inizio delle Prealpi Veronesi, nella regione Veneto. Essa comprende il territorio di sette comuni, tutti appartenenti alla provincia di Verona.

La valle, che si estende per 240 km², confina a sud con il fiume Adige, è delimitata ad est dalle colline di Parona e di Quinzano e dalla Valpantena, mentre a nord si protrae fino ai monti Lessini. A ovest è invece separata dalla valle dell’Adige dal monte Pastello.

Rinomata fin dai tempi di Roma antica per la viticoltura, e in particolare per il vino Amarone, è altresì importante per l’estrazione del Rosso Ammonitico Veronese.

Dal punto di vista architettonico, il paesaggio della Valpolicella è adornato di ville venete di grande pregio ed è abbellito da capitelli, chiesette, pievi, contrade e corti, che arricchiscono il territorio con testimonianze di anni di storia.

Con il toponimo Valpolicella si indicano comunemente: le tre vallate dei torrenti (chiamati in dialetto “progni”) che scendono dai Lessini ad occidente di Verona, i monti che le separano e una larga zona d’alta pianura terrazzata che accompagna l’Adige dalla chiusa di Ceraino (presso Rivoli Veronese) fino a Parona. I confini verso monte sono incerti: è assente un limite naturale tra la Valpolicella e la Lessinia, dato che la prima è una regione per motivi storici più che geografici. Geograficamente si potrebbe intendere come confine il bacino del progno di Fumane fino al monte San Giovanni, includendo quindi Breonio ed escludendo parte di Sant’Anna d’Alfaedo.

Nella Valpolicella si possono distinguere tre zone, nettamente diverse per natura morfologica, geologica e per la vegetazione presente.
La parte posta più a nord è caratterizzata da una zona montuosa (costituita da calcari cretacei) che va a formare l’ampio pianoro dei Lessini. Qui sono presenti ampi prati dove in estate è facile trovare capi di bestiame portati al pascolo. La zona è povera di grandi corsi d’acqua; ciononostante il paesaggio risulta diviso in gradini e ripiani alternati da cavità carsiche scavate nel corso di millenni.
La zona collinare, disposta subito più a sud di quella montana, è formata da propaggini meridionali parallele ai monti che, con dossi allungati, vanno a dividere le già citate tre valli dei progni. Questa zona è quella più classica per la coltivazione della vite, che avviene spesso su particolari terrazze artificiali realizzate in pietra e denominate (nel dialetto veneto) “marogne”. Nella zona più bassa è coltivato intensamente anche l’ulivo. Come nella zona montana, anche qui sono presenti calcari cretacei costituiti da ampi strati di basalto.
Nella parte più meridionale della Valpolicella troviamo una zona pianeggiante venutasi a formare dai sedimenti delle alluvioni, sia del fiume Adige che da quelle dei tre progni. La recente bonifica e l’opera d’irrigazione ne hanno fatto un luogo fertile che vanta coltivazioni di ortaggi, pescheti e ciliegeti di grande pregio, oltre che dei classici vigneti.

Questa carta contiene tutti i punti relativi ai siti più importanti da visitare in Valpolicella (meraviglie della Valpolicella), illustrati nel retro con una galleria di immagini. La redazione di questa parte illustrativa è a cura del Prof. Raffaele Barbetta.
Rilevamenti GPS a cura di COGEV, R. Barbetta, A. Pozzani, L. Segato.

Cartografia Ufficiale delle Famiglie dell’Amarone: Allegrini, Brigaldara, Masi, Speri, Tenuta Sant’Antonio, Torre d’Orti, Zenato, Begali, Guerrieri Rizzardi, Musella, Tedeschi, Tommasi, Venturini.

Leggi di più

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Valpolicella N.300”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *